Cos’è e come funziona la fatturazione elettronica B2B?

 

Fatturazione elettronica B2B: tutto quello che non sai!Come ben saprai, dal 1° gennaio 2017, prenderà il via la fatturazione elettronica B2B. L’adesione è disciplinata dal Decreto legislativo n. 127 del 2015, secondo cui tutte le imprese italiane potranno scambiare fatture (sia ciclo attivo che ciclo passivo) in modalità elettronica, tramite il Sistema di Interscambio, con i propri clienti e con i propri business partner.

Le aziende che si doteranno di strumenti atti ad inviare/ricevere le fatture elettroniche potranno innovare l’intero processo di digitalizzazione. Ciò non significa avere un mero software per il “data entry” bensì un intero flusso di dati completamente dematerializzato. Si tratta della gestione completa del ciclo di fatturazione elettronica, dalla creazione della fattura, all’invio all’Agenzia delle Entrate, fino alla conservazione dei documenti a norma di legge. Si avrà una gestione integrata del processo di fatturazione e di verifica degli stati di ricezione ed accettazione delle fatture stesse. Sarà inoltre possibile ottimizzare la conservazione (in formato digitale) ed eliminare quindi i costi ed i tempi di gestione degli archivi cartacei.

Perché conviene alle aziende?

Si potrà beneficiare di incentivi riconosciuti dallo Stato secondo quanto disposto dalla normativa vigente in materia. Sono previsti meno obblighi relativi allo spesometro, alle black lists, ai contratti di leasing, e inoltre, si potrà usufruire di rimborsi IVA più veloci.

Grazie alla fatturazione elettronica tra privati, ogni azienda potrà avere una gestione strutturata delle informazioni con una forte interoperabilità ed una cospicua riduzione dei costi operativi. Non vanno certo dimenticati i controlli più veloci e meno invasivi da parte degli organi preposti. Si tratta, inoltre, di un fattore abilitante per l’interoperabilità nazionale ed internazionale per lo sviluppo di nuovi mercati.

Fatturazione elettronica B2B: tutto quello che non sai!La fatturazione elettronica B2B permetterà un incremento del business; inoltre, delegando il processo in outsourcing, è possibile concentrarsi maggiormente sul proprio core business. I provider certificati per l’invio della fattura PA, hanno messo a frutto il proprio know-how e le proprie infrastrutture tecnologiche per gestire anche la fattura B2B. Il loro valore aggiunto passa dalla conversione dei tracciati strutturati a quello richiesto dalla normativa, dalla spedizione/ricezione tramite canale certificato, dalla gestione dei ritorni dallo SdI, nonché dalla conservazione e consultazione delle fatture e delle notifiche per 10 anni.

È indispensabile affidarsi ad aziende competenti per affrontare un progetto il cui il corretto scambio di informazioni fra le controparti di business è basilare per il successo dell’operazione. Infatti ogni progetto di fatturazione B2B implica la capacità di interfacciarsi con i Trading partner con i quali la si vuole scambiare, al fine di verificare sul tracciato standard, sui campi obbligatori e facoltativi e sugli allegati “embeddabili” nell’xml, quali siano gli effettivi dati necessari per poter garantire la corretta evasione del documento presso il destinatario.

Non sottovalutare un progetto che, se fatto a regola d’arte, potrebbe rappresentare un ulteriore step verso la trasformazione digitale dell’azienda.