Seleziona una pagina
Home » Comunicati stampa » Trusted Invoice B2B ha ottenuto la certificazione per l’invio della trimestrale Dati Fattura tramite SdI
25.01.2017
| Tempo di lettura: 3 min

Trusted Invoice B2B ha ottenuto la certificazione per l’invio della trimestrale Dati Fattura tramite SdI

Intesa (Gruppo IBM), annuncia che il proprio canale di Fatturazione Elettronica PA/B2B ha ottenuto la certificazione da parte del Sistema di Interscambio (SdI) per l’invio della trimestrale Dati Fattura, in vigore da quest’anno a partire da maggio 2017. Il file in formato XML potrà essere generato da Intesa e successivamente inviato all’Agenzia delle Entrate per conto delle aziende Clienti che fanno uso del servizio, tramite il Sistema di Interscambio (SdI).

Trusted Invoice B2B è la nuova soluzione di Intesa per la fatturazione elettronica conforme al DL 127/15, che offre alle aziende titolari di partita IVA l’opportunità di scambiarsi fatture elettroniche attraverso il Sistema di Interscambio, secondo lo schema eventualmente già adottato per l’invio delle fatture verso la Pubblica Amministrazione.

Trusted Invoice B2B si integra con gli altri servizi di fatturazione B2B che Intesa offre da anni e implementa una serie di nuove funzionalità: la creazione del tracciato unico XML secondo le modalità previste dalla normativa, la spedizione verso il Sistema di Interscambio e, successivamente, al destinatario finale, la ricezione e la gestione delle notifiche ed infine la conservazione digitale a norma di legge dei documenti scambiati. Il sistema consente inoltre la ricezione di fatture da parte di soggetti terzi e quindi: ricezione del tracciato XML dal Sistema di Interscambio, eventuale conversione in un formato private, e successiva conservazione digitale a norma di legge.

Grazie alla recente certificazione, Trusted Invoice B2B offrirà inoltre ai soggetti passivi IVA, la possibilità di inviare per via telematica all’Agenzia delle Entrate la comunicazione trimestrale Dati Fattura, resa obbligatoria secondo quanto previsto dal decreto 193/2016, che contiene diverse nuove norme finalizzate al recupero dell’evasione fiscale, soprattutto in materia di IVA.

“Il team Intesa ha fatto leva sul know-how acquisito in qualità di provider certificato per l’invio della fattura PA e sull’esperienza maturata in ambito fatturazione EDI/B2B, per adeguare le infrastrutture tecnologiche affinché fossero in grado di gestire anche la fattura B2B tramite il Sistema di Interscambio” – racconta Luigi Traverso, Responsabile Offering Dematerializzazione e B2B di Intesa – “i nuovi servizi consentono la conversione di tracciati strutturati nel formato richiesto dalla normativa, la spedizione/ricezione verso il canale certificato e la gestione dei flussi di ritorno, nonché la conservazione e consultazione delle fatture e delle notifiche per 10 anni.”

L’esperienza trentennale di Intesa nei servizi B2B rappresenta un valore aggiunto per affrontare un progetto che prevede il corretto scambio di informazioni fra le controparti di business. A partire da gennaio 2017, le aziende interessate ad usufruire delle agevolazioni fiscali del DL 127/15, possono trovare in Intesa il partner ideale per assolvere gli obblighi normativi e tutelarsi dalle sanzioni previste per omessa o errata trasmissione dei dati.

Scarica il comunicato in formato PDF

Potrebbero interessarti

Iscriviti alla newsletter

Novità, iniziative ed eventi dal mondo della trasformazione digitale.

Voglio essere informato su prodotti, servizi e offerte di INTESA.
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.

È possibile ritirare il proprio consenso in qualsiasi momento inviando una e-mail al seguente indirizzo: privacy_mktg@intesa.it. Oppure, se non si desidera ricevere più le e-mail di marketing, è possibile annullare la sottoscrizione facendo clic sul relativo link di annullamento sottoscrizione, in qualsiasi e-mail.
Per confermare l'iscrizione, controlla la tua email!
Condividi