Seleziona una pagina
01.04.2021

“People over profit”: il business essenziale dei CEOs

L’importanza di dipendenti, partner e leadership nella resilienza post pandemia

Secondo l’ultima CEOs Survey del 2021, sono cinque le priorità dei CEOs delle aziende outperforming nel 2020: leadership, open innovation, employee wellbeing e tecnologia e cybersecurity.

Il 2020 ha riportato il business all’essenziale. In un momento in cui le nostre abitudini sono state stravolte, le aziende hanno avuto bisogno di risparmiare energie su tutto ciò che era “in più” per focalizzare ciò che era fondamentale in un momento di crisi. Una rivalutazione delle priorità per concentrarsi su ciò che avrebbe portato al successo (e alla sopravvivenza). Cosa è essenziale nell’organizzazione? Cosa è essenziale nelle business operations?

Sono queste le domande a cui cerca di rispondere la CEOs Survey 2021 (dal titolo Find your essential) condotta dall’IBM Institute for Business Values su più di 3000 CEO mondiali. Le priorità che accomunano i CEOs delle aziende outperforming sono cinque: ecco quali.

Leadership

L’85% dei CEO delle aziende outperforming nel 2020 ritiene che la capacità di leadership sia fondamentale al successo del business, in particolare nella capacità di engagement dei dipendenti: il 53% del totale, infatti, ritiene che l’azione più importante della leadership sia riuscire a coinvolgere i collaboratori nella mission aziendale per trasmettere in maniera chiara non solo gli obiettivi ma anche i valori aziendali e contribuire al miglioramento generale delle performance dei dipendenti.

In altre parole, chi lavora per un’azienda ha necessità di perseguire uno scopo più che un profitto. Una tendenza che va di pari passo con le aspettative sempre più alte della società nei confronti delle aziende.

Partnership

Tra il 2015 e il 2020 l’interesse dei CEO nei confronti delle partnership è via via diminuito, passando dal 79% al 36% in cinque anni.
Quest’anno, un cambiamento quasi radicale: il 63% dei CEOs delle aziende outperforming afferma che le partnership acquisteranno sempre più importanza, contro il 32% dei CEOs delle aziende underperforming. Un dato che conferma la tendenza del “ritorno all’essenziale”: le aziende si concentrano su ciò che sanno fare meglio, affidandosi a partner ed ecosistemi per integrare la loro offerta e ampliare le opportunità di business.

Employee well-being

Il benessere fisico e mentale dei collaboratori come priorità, anche a discapito del profitto. Il 77% dei CEOs delle aziende outperforming ritiene che il wellbeing dei dipendenti debba essere una priorità, rispetto al 39% dei CEOs delle aziende underperforming. Quasi il 97% in più. Conseguentemente, anche le necessità di creare un luogo di lavoro ibrido e ingaggiare i dipendenti da remoto vengono identificate come le sfide più grandi del prossimo futuro.

Anche Intesa (Gruppo IBM), nel suo percorso verso un business sostenibile, ha attivato programmi per favorire il benessere dei dipendenti, come InWellness, che promuove lo sport, la nutrizione e le best practice di smart working, InTribe, la community di under35 per la formazione delle risorse più giovani dell’azienda, e gruppi di lavoro in ambito Diversity & Inclusion.

L’importanza delle relazioni con tecnologia e cybersecurity

Nell’indagine delle priorità dei CEOs, assieme a leadership, partnership e benessere dei collaboratori, troviamo tecnologia e cybersecurity. E a questo punto è interessante notare come tre aree su cinque hanno a che fare con l’ambito delle relazioni e delle risorse umane: una maggioranza che fa riflettere, soprattutto se individuata all’interno di ciò che può considerarsi essenziale per il business.

Potrebbero interessarti