Storia di un’azienda in trasformazione

Data: 23 Maggio 2017

Che tu sia Forrest o Valentino, continua a correre! 

 

“Quel giorno, non so proprio perché decisi di andare a correre un po’, perciò corsi fino alla fine della strada, e una volta lì pensai di correre fino la fine della città, e una volta lì pensai di correre attraverso la contea di Greenbow. Poi mi dissi, visto che sono arrivato fino a qui tanto vale correre attraverso il bellissimo stato dell’Alabama, e così feci. Corsi attraverso tutta l’Alabama, e non so perché continuai ad andare. Corsi fino all’oceano e, una volta lì mi dissi, visto che sono arrivato fino a qui tanto vale girarmi e continuare a correre. Quando arrivai a un altro oceano, mi dissi, visto che sono arrivato fino a qui, tanto vale girarmi di nuovo e continuare a correre… ”*

L’importante è incominciare, poi una volta che si è intrapreso un processo di trasformazione, il cambiamento è irreversibile. E se il sentiero che hai imboccato si interrompe, tanto vale girarmi di nuovo e continuare a correre

Se vuoi andare veloce, vai solo, ma se vuoi andare lontano, vai in compagnia, recita un proverbio africano. Quindi se come noi hai in azienda tante persone che si allenano e corrono, tanto meglio: Gerardo, Elisabetta, Matteo, Marco, Roberto, Gianbattista, Emilio, Roberta, Luca, Maria Luisa, Cinzia, Paolo, Rosella, Davide, e tanti altri; si corre comunque e ovunque, in città, in campagna, per strada, in palestra; per affrontare grandi sfide o per sfidare se stessi: l’importante è raggiungere i propri obiettivi.

Una volta pensavo che le startup di successo nascessero dalla fortunata intuizione di qualcuno che aveva una grande idea, la metteva in pratica e faceva soldi a palate. Niente di più falso. Gli startupper sono spesso dei seriali, nel tempo hanno fondato diverse startup e poi magari una è decollata; la parola chiave è la determinazione. Certo, anche il momento deve essere quello giusto: metti che sei un Massimiliano Biaggi e nasci nell’epoca di un Valentino Rossi… A proposito del Dottore, in un’intervista ha detto: Andavo bene a scuola. Facevo bene un sacco di altre cose. Ma io volevo correre. Forte, fortissimo. Con la moto. E l’ho fatto. Pensa se non ci avessi provato.

Insomma, che tu sia un runner, uno sportivo, un biker o uno startupper, continua a correre!

 

*Dal film Forrest Gump

Share This