Storia di un’azienda in trasformazione

Data: 19 Maggio 2017

Siamo nani sulle spalle dei giganti

 

Se non siete particolarmente alti e durante il concerto del vostro artista preferito avete avuto la fortuna di poter salire sulle spalle di qualcuno molto più alto di voi, conoscete la sensazione: una grande euforia e un’improvvisa fantastica visuale di ciò che vi sta accadendo intorno.

Essere parte di un grande gruppo che guida lo sviluppo tecnologico a livello mondiale per noi significa anche questo: non siamo grandi, ma possiamo salire sulle spalle di giganti e godere di un’ottima vista su ciò che la tecnologia ci riserverà nei prossimi anni, portando grandi cambiamenti anche nelle nostre abitudini quotidiane.

Luca, direttore marketing di Ibm Italia, ce ne ha dato un assaggio parlando a Tgcom delle infinite possibilità di Watson, il nuovo sistema di cognitive di Ibm, portando l’esempio concreto dei Musei Vaticani. Come è noto, si tratta di 7km di gallerie e 11.000 stanze che ospitano migliaia di volumi e di immagini: una sola vita non è sufficiente per visionarli tutti. Watson è in grado di analizzarli in pochi secondi.

Ora, per chi guardando Matrix ha desiderato intensamente che esistesse davvero la possibilità di caricarsi qualsiasi programma di istruzione, dal jujitsu al volo in elicottero, mediante un semplice spinotto attaccato al collo, si tratta di una nuova incomparabile chance. Sarà un bene o sarà un male?

La mia visione è molto chiara: è sicuro che i robot, i software, gli algoritmi prenderanno il posto in molti lavori che oggi esegue l’essere umano e saranno in grado di farlo in maniera più ottimizzata, rapida e soprattutto senza mail fermarsi. Però, dato che sono un inguaribile ottimista mi piace pensare che l’Intelligenza Artificiale possa essere positiva e possa portare ad un miglioramento della vita dell’essere umano” scrive Alessio Semoli* su Linkedin. Condivido.

*Esperto di comunicazione digitale e new media e Co-Founder di PranaVentures, realtà di venture capital italiana specializzata nel settore innovazione digitale.

Share This