Un processo di Firma Elettronica Avanzata per firmare i documenti informatici in totale sicurezza.

 

La Firma Grafometrica è un particolare tipo di Firma Elettronica Avanzata (FEA) che si ottiene rilevando i dati biometrici di un utente (firmatario) nel momento in cui appone la sua firma su un tablet legando gli stessi in maniera indissolubile al documento elettronico firmato. In altre parole, con Firma Grafometrica si intende un insieme di dati relativi al movimento compiuto durante l’apposizione di una firma autografa, opportunamente raccolti, crittografati e conservati insieme al documento per cui la firma è stata raccolta. I dati biometrici, vengono rilevati per mezzo di una penna elettronica su una tavoletta digitale e sono: ritmo, velocità, pressione, accelerazione e movimento.

Quando si parla di Firma Grafometrica è utile specificare che non si tratta di una tecnologia, né di un prodotto, essa è un processo che prevede:

  • l’identificazione del firmatario del documento;
  • la connessione univoca della firma al firmatario;
  • il controllo esclusivo da parte del firmatario sul sistema di firma;
  • la possibilità di verificare che il documento informatico sottoscritto non abbia subito modifiche dopo l’apposizione della firma.

Il processo segue una serie di passaggi essenziali per garantire autenticità del dato e tutela del firmatario. Innanzitutto, è necessario che il firmatario sia identificato in modo certo, tramite un valido documento di riconoscimento. Successivamente, l’utente va informato in merito ai termini ed alle condizioni relative all’uso del servizio; così facendo si subordina l’attivazione del servizio alla sottoscrizione di una dichiarazione di accettazione delle condizioni da parte dell’utente stesso. Infine, il firmatario potrà procedere con l’apposizione della propria firma sul documento elettronico.

Le soluzioni di Firma Elettronica Avanzata basata sulla grafometria abilitano numerosi processi che richiedono la creazione e la firma di documenti digitali, dalla piena valenza legale, i quali permettono di eliminare gli oneri di gestione della carta e di ridurre al minimo le operazioni manuali correlate. I documenti firmati con FEA grafometrica acquisiscono consistenza e validità grazie alle regole che possono essere associate al documento stesso: è infatti possibile introdurre controlli per individuare firme mancanti o per guidare il firmatario nel processo di firma.

L’impiego della grafometria ha un effetto positivo anche sulle attività di post-processing dei documenti come ad esempio l’archiviazione digitale, ovvero la possibilità di centralizzare il trattamento delle pratiche e dei processi di lavoro in maniera univoca e automatizzata. Oltre ad essere un processo applicabile a qualsiasi documento elettronico, indipendentemente dal sistema o software che lo ha generato, i documenti firmati risulteranno sempre reperibili e condivisibili; i processi correlati risulteranno quindi accelerati e snelliti, la “User Experience” ne guadagnerà e sarà inoltre garantita la possibilità di gestire le operazioni da mobile per una flessibilità del servizio ottimale.

La FEA trova applicazione in svariati ambiti e settori, ha l’efficacia probatoria prevista dall’art. 2702 del codice civile e integra il requisito della forma scritta con alcune eccezioni come previsto all’art. 1350, che prevede, invece, la firma digitale.