Seleziona una pagina
Home » Soluzioni » Fatturazione elettronica internazionale, sicura e conforme alle normative
01.06.2022
| Tempo di lettura: 5 min

Fatturazione elettronica internazionale, sicura e conforme alle normative

Guida alla fatturazione elettronica a cliente estero

In ambito fatturazione elettronica B2B la normativa dei paesi, in Unione Europea ma non solo, cambia molto velocemente. Ecco come adeguarsi.

In questo articolo scoprirai:

Da gennaio 2023 la fatturazione elettronica B2b sarà obbligatoria in Polonia e Belgio. Seguiranno, nei due anni successivi, Francia e Lettonia, mentre la Spagna ha già approvato una legge apposita e la Germania ha introdotto un “electronic reporting system” che sarà usato per generare, validare e trasmettere le fatture. Poco a poco tutti i Paesi dentro e fuori l’UE si stanno organizzando per digitalizzare e aumentare l’automazione nei documenti di scambio commerciale. L’Italia, per una volta, ha avuto infatti il ruolo di apripista in materia di digitalizzazione, inserendo per prima l’obbligo di fatturazione elettronica B2b nel 2019.

Chi ha rapporti commerciali internazionali, dunque, nei prossimi anni potrebbe essere sempre più complicato capire come gestire la fatturazione elettronica verso i clienti e i fornitori all’estero.

Fatturazione elettronica per estero: le due diverse possibilità

Inviare fatture elettroniche verso l’estero, dunque, può voler dire affrontare processi molto diversi tra loro e che probabilmente cambieranno con il tempo.

La prima possibilità che si ha per inviare e ricevere fatture elettroniche verso l’estero, dunque, è accordarsi con il singolo partner commerciale sulle modalità di invio e ricezione. A meno che non si sia in possesso di una soluzione EDI a seguito di un onboarding B2b, nella maggior parte dei casi questa scelta richiederà dell’operatività “manuale” di scambio dei documenti commerciali via e-mail, con successiva registrazione all’interno dei propri sistemi aziendali e – fino al 1° luglio 2022 – inserimento nell’esterometro dell’AgE

Se, invece, il paese con cui si sta effettuando lo scambio si è dotato di infrastrutture governative per lo scambio dei documenti – come il Sistema di Interscambio dell’AgE – bisongerà adeguare le proprie procedure a seconda della normativa del Paese partner.

Per ovviare a questo complesso sistema e gestire la fatturazione elettronica per l’estero in modo automatico, è necessario affidarsi a partner esperti, aggiornati sia sui sistemi di fatturazione locali che esteri, che possano supportare anche durante l’onboarding B2b.

Come emettere fattura elettronica B2b verso clienti esteri

Dunque, come gestire la fatturazione elettronica B2b per i clienti esteri? Anche nel caso in cui ci si affidi a un partner per la gestione della fatture elettroniche, nel caso di scambi commerciali con un Paese estero, la fattura si emetterà normalmente e verrà inviata via e-mail al cliente, per poi, a seguito dell’abolizione dell’esterometro, trasmetterla al Sistema di Interscambio in formato XML. 

Affidandosi invece a un partner specializzato nello scambio di fatture elettroniche per l’estero, invece, l’azienda che emette le fatture non dovrà fare altro che utilizzare il normale gestionale di fatturazione, mentre la “traduzione” nel formato prestabilito e l’invio ai sistemi del cliente all’estero avverrà automaticamente.

La soluzione completa di fatturazione elettronica di Intesa

Grazie alla partnership con Pagero, Intesa completa ulteriormente la sua soluzione di fatturazione elettronica: il business network internazionale di Pagero, infatti, consentirà ai clienti Intesa di avere sempre procedure per la fatturazione elettronica con l’estero sempre aggiornate. Pagero, grazie alla sua presenza world-wide, aiuterà inoltre i clienti Intesa durante l’onboarding B2b, per integrare in modo corretto i sistemi delle due aziende.

Così facendo, i clienti Intesa avranno la sicurezza di ottenere informazioni sempre affidabili dai propri sistemi, qualsiasi sia la lingua e l’alfabeto utilizzato dal partner.

CTA pagero

Conclusioni

Gestire la fatturazione elettronica con i clienti esteri potrebbe diventare sempre più difficile man mano che si aggiornano le normative di ogni paese. La tendenza, anche fuori UE, infatti, è quella di implementare infrastrutture governative per rendere la fatturazione elettronica B2b obbligatoria. Grazie alla partnership tra Intesa e Pagero i clienti Intesa avranno la certezza di poter scambiare fatture con l’estero con le modalità richieste dal Paese del partner, nei formati più adatti.

You might be interested

Iscriviti alla newsletter

Novità, iniziative ed eventi dal mondo della trasformazione digitale.

Voglio essere informato su prodotti, servizi e offerte di INTESA.
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.

È possibile ritirare il proprio consenso in qualsiasi momento inviando una e-mail al seguente indirizzo: privacy_mktg@intesa.it. Oppure, se non si desidera ricevere più le e-mail di marketing, è possibile annullare la sottoscrizione facendo clic sul relativo link di annullamento sottoscrizione, in qualsiasi e-mail.
Per confermare l'iscrizione, controlla la tua email!
Condividi