Seleziona una pagina
Home » Soluzioni » SPID e identità digitale per operatori del settore assicurativo
20.04.2022
| Tempo di lettura: 5 min

SPID e identità digitale per operatori del settore assicurativo

L’autenticazione SPID e CIE nel mercato assicurativo

La possibilità di identificare i clienti attraverso i sistemi SPID e CIE permette alle compagnie assicurative di semplificare le procedure di accesso e garantire la massima sicurezza nelle transazioni. 

In questo articolo scoprirai:

Le procedure di Adeguata verifica del cliente (KYC) sono un obbligo normativo dettato dalle direttive europee Anti Money Laundry e che devono essere svolte dai cosiddetti “settori regolati”, in cui rientrano gli intermediari bancari e finanziari, e quindi gli enti assicurativi.

Grazie al decreto semplificazioni, l’Adeguata verifica può essere oggi svolta attraverso l’utilizzo di strumenti (e/o procedure) digitali come SPID, CIE e firma elettronica qualificata.

L’adeguata verifica nel mercato assicurativo

Anche il mercato assicurativo, dunque, è soggetto all’obbligo di adeguata verifica dei clienti, allo scopo di ridurre i rischi di riciclaggio di denaro e quindi il finanziamento di attività illecite. A questo proposito, l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS) ha chiesto a imprese e intermediari assicurativi, attraverso il Regolamento n. 44/2019, di agire attivamente nell’individuare e valutare i rischi di riciclaggio e finanziamento del terrorismo.

Perché l’autenticazione SPID o CIE nel mercato assicurativo

Come si è detto, grazie al decreto semplificazioni oggi è possibile risolvere l’identificazione, e quindi l’adeguata verifica, anche attraverso l’utilizzo delle identità digitali SPID e CIE, oggi molto diffuse tra la popolazione (seppur diversamente utilizzate) soprattutto grazie agli incentivi economici elargiti dal governo durante la pandemia.

Con l’integrazione di SPID e CIE nelle procedure di adeguata verifica del cliente e nei questionari KYC, l’intera raccolta dei dati anagrafici potrà essere risolta con un semplice accesso tramite SPID o CIE. La parte restante di compilazione e caricamento dei documenti potrà essere integrata nella stessa procedura.

Semplificare il processo di adeguata verifica attraverso SPID o CIE, dunque, significa migliorare la customer experience integrando nei propri processi di identificazione l’utilizzo di uno strumento ben conosciuto tra la popolazione, e quindi facilitare e velocizzare la procedura. Inoltre, l’identificazione con SPID o CIE nel mercato assicurativo permette una maggiore sicurezza normativa e renderebbe molto più semplice la gestione e l’aggiornamento dei dati, che possono essere automaticamente integrati (e quindi aggiornati) nei sistemi.

Come implementare le credenziali SPID o CIE per l’accesso ai servizi assicurativi

È possibile abilitare il riconoscimento o l’autenticazione dell’utente attraverso SPID o CIE affidandosi a service provider accreditati AgID in grado di implementare piattaforme di riconoscimento e customer onboarding.

La soluzione di Intesa per l’accesso ai servizi assicurativi online

Intesa, in quanto service provider certificato da AgID, può implementare processi di adeguata verifica del cliente in cui la parte di identificazione viene conclusa tramite accesso con SPID o CIE. La piattaforma di onboarding, infatti, può essere utilizzata anche per raccogliere i dati e la documentazione necessaria a completare le procedure KYC sia tramite  accesso con SPID e CIE, oppure in modo semplificato grazie alle tecnologie AI di field detection, verifica della liveness e riconoscimento facciale. 

Lo svolgimento digitale di questa procedura, inoltre, consente una registrazione immediata dei dati del cliente, con un notevole vantaggio anche nel loro aggiornamento e verifica periodica, come previsto da normativa.

You might be interested

Iscriviti alla newsletter

Novità, iniziative ed eventi dal mondo della trasformazione digitale.

Voglio essere informato su prodotti, servizi e offerte di INTESA.
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.

È possibile ritirare il proprio consenso in qualsiasi momento inviando una e-mail al seguente indirizzo: privacy_mktg@intesa.it. Oppure, se non si desidera ricevere più le e-mail di marketing, è possibile annullare la sottoscrizione facendo clic sul relativo link di annullamento sottoscrizione, in qualsiasi e-mail.
Per confermare l'iscrizione, controlla la tua email!
Condividi