Seleziona una pagina
Smart Business

Partnership e alleanze strategiche come fattore di crescita

14 Gennaio 2020

Dall’intervista con Simone Piasini, Chief Business Development Officer di Intesa (Gruppo IBM) emergono gli elementi chiave e le best practice per partnership e alleanze di successo.

Nel mese di giugno 2019, la Commissione Europea ha reso noti i valori del Digital Economy and Society Index (DESI)*, dove emergono i dati relativi al livello di digitalizzazione dei paesi europei considerando indicatori come connettività, capitale umano, utilizzo e integrazione di servizi digitali e pubblici e investimenti in ricerca e sviluppo. Il nostro paese, comparendo purtroppo al ventiquattresimo posto su ventotto stati considerati, necessita di molti investimenti e progetti digitali per aumentare la propria competitività industriale.
Intesa (Gruppo IBM) ha da oltre trent’anni l’obiettivo principale della creazione di percorsi di trasformazione digitale per le imprese, in Italia e all’estero. Simone Piasini, CBDO di Intesa, ci ha raccontato come le partnership giochino un ruolo chiave nello sviluppo del business.

Qual è il ruolo delle alleanze strategiche in Intesa?

La strategia di Intesa è di proporsi verso il mercato come interlocutore di riferimento delle aziende per guidarle lungo il percorso di digitalizzazione dei processi aziendali. Per raggiungere questo obiettivo, abbiamo scelto di puntare su partnership strategiche che ci consentano di offrire soluzioni di rivisitazione dei processi aziendali, in chiave digitale, con un approccio end-to-end. In questo senso, stiamo progressivamente definendo modelli collaborativi che prevedono l’integrazione di soluzioni leader di mercato per completare la nostra value proposition e per presentarci ai clienti come partner primario in termini di soluzione, supporto e consulenza a 360 gradi.

 

In che modo Intesa supporta le aziende per progetti di digitalizzazione come partner tecnologico?

Intesa, leader nello sviluppo di progetti di trasformazione digitale dei processi aziendali, adotta un approccio di co-creation e co-design nello sviluppo di servizi innovativi e si pone come partner strategico dei propri clienti al fine di supportarli nel disegno e nella realizzazione di processi nativamente digitali. La strategia aziendale prevede che la tecnologia impiegata a supporto della rivisitazione dei processi rimanga totalmente trasparente e diventi il mezzo con cui realizzare la soluzione finale.

I principali benefici rilevati dai clienti che hanno adottato soluzioni digitali a supporto dei processi di business sono fondamentalmente tre: migliore customer experience, riduzione dei costi operativi e nuovi profitti per l’azienda; il tutto sempre nel rispetto delle stringenti policy legali e di compliance con le quali tutte le aziende devono comunque fare i conti.

Tra le varie partnership di Intesa, quali sono gli obiettivi strategici della collaborazione con DocuSign?

Intesa e DocuSign hanno siglato un’alleanza strategica unendo i punti di forza di entrambe le società con l’obiettivo di guidare le aziende nel loro processo di trasformazione digitale, con particolare focus su tutta l’area del  Digital Transaction Management (DTM).

Con l’integrazione della tecnologia di DocuSign, leader di mercato nel mondo DTM, Intesa completa la propria offerta di servizi presentando sul mercato una piattaforma end-to-end che offre alle aziende uno strumento unico, progettato per migliorare la collaborazione tra dipendenti (processi interni), clienti (processi esterni B2C) e fornitori (processi esterni B2B) e far crescere la fiducia digitale tra organizzazioni di ogni settore e dimensione.

Partendo dalla fase di riconoscimente/onboarding di un utente, è possibile definire workflow di firma, anche di tipo qualificato grazie all’uso dei certificati Intesa, per giungere fino alla fase di archiviazione a norma della documentazione, grazie alle soluzioni di Intesa, Conservatore Accreditato AgID, Certification Authority (CA) e Qualified Trust Service Provider (QTSP) secondo eIDAS.

 

*Fonte: europa.eu

 

A cura di Chiara Bozzolino – Marketing Campaign Manager, IBM Italia

Potrebbero interessarti