Seleziona una pagina
Home » Soluzioni » Adeguata verifica del cliente
25.11.2021
| Tempo di lettura: 6 min

Adeguata verifica del cliente

Le Funzionalità e strumenti per adempiere efficacemente agli obblighi in materia di antiriciclaggio

Secondo l’Ufficio Studi della CGIA, nel 2020 le segnalazioni sospette di riciclaggio ricevute dall’Unità di Informazione Finanziaria (Uif) della Banca d’Italia nel 2020 hanno segnato un aumento del 7%.

Il riciclaggio del denaro (ovvero il processo attraverso il quale i proventi di un’attività criminale sembrano provenire da una fonte legittima) è quindi un fenomeno molto presente, che governi e istituti bancari di tutto il mondo cercano di limitare con leggi sempre più stringenti e innovazioni tecnologiche.

E proprio allo scopo di antiriciclaggio, le AMLD – Anti Money Laundry Directives, direttive europee antiriciclaggio – hanno introdotto l’obbligo per gli istituti bancari di sottoporre ai clienti il questionario KYC, Know Your Customer, conosciuto in Italia come il questionario di adeguata verifica del cliente.

In questo articolo scoprirai:

Adeguata verifica del cliente: quando è obbligatoria?

Le procedure di Adeguata verifica del cliente (KYC) sono quindi un obbligo normativo dettato dalle direttive europee Anti Money Laundry.

L’Adeguata verifica si applica obbligatoriamente in ogni contesto in cui viene conferito un incarico professionale continuativo, una prestazione occasionale con un trasferimento maggiore di €15.000, ma anche quando si sospetta un caso di riciclaggio, finanziamento al terrorismo o si hanno dubbi sull’identità del cliente.

 

La normativa sull’adeguata verifica

A livello legislativo, in Italia, le direttive antiriciclaggio sono state recepite agli art. 18 – 19 del d.l. del 21 novembre 2007, n. 231, per poi essere perfezionate nel d.l. 90/2017 e nuovamente riprese nel d.l. 16 luglio 2020, n. 76 “recante misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale”: il cosiddetto “Decreto semplificazioni”.

Il decreto semplificazioni ha introdotto importanti novità per quanto riguarda l’adeguata verifica della clientela. È stato infatti soppresso l’obbligo di acquisizione degli estremi di un documento identificativo del cliente, aprendo la possibilità che l’obbligo di identificazione della clientela possa considerarsi assolto attraverso l’utilizzo dei seguenti strumenti (e/o procedure) digitali: SPID, firma elettronica qualificata, una procedura di identificazione regolamentata e autorizzata dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID), identità digitale con livello di garanzia “almeno significativo” (es. CIE).

Intesa, in quanto service provider certificato da AgID, può implementare processi di adeguata verifica del cliente in cui la parte di identificazione viene conclusa tramite accesso con SPID.

 

Come si effettua l’adeguata verifica del cliente

L’adeguata verifica del cliente si effettua sottoponendo ai clienti un questionario e richiedendo i documenti che comprovino la loro identità e la loro affidabilità creditizia.

Si tratta dunque di un procedimento complesso, lungo, con domande spesso ripetitive, oltre che costoso: i questionari di adeguata verifica, infatti, devono essere aggiornati ed essere oggetto di verifiche periodiche. Una ricerca di Thomson Reuters Survey stima che una banca di medie dimensioni spenda circa 40 milioni di sterline all’anno per implementare e mantenere le procedure KYC.*

Per questo motivo, aziende ed enti governativi stanno cercando sempre di più di affidarsi a soluzioni digitali e a tecnologie che possano contribuire ad ottenere facilmente le informazioni certe e comprovate sui clienti. Il progetto O-KYC promosso da da CeTIF – Università Cattolica Del Sacro Cuore, Intesa, a Kyndryl Company, in collaborazione con le Authority, Cherry Chain e IBM, ne è un esempio concreto.

Chi deve effettuare l’adeguata verifica del cliente

L’adeguata verifica del cliente è stata imposta dalle direttive europee AML per limitare il riciclaggio di denaro. La sua applicazione dipende anche dall’ammontare del trasferimento complessivo di denaro. I soggetti che dovranno effettuare le procedure di KYC sono:

  • intermediari bancari e finanziari
  • professionisti (commercialisti, consulenti del lavoro)
  • notai e avvocati
  • revisori legali e società di revisione
  • agenti immobiliari
  • mediatori civili
  • prestatori di servizi di gioco
  • prestatori di servizi di valuta virtuale.

 

La soluzione di Digital Onboarding di Intesa

Intesa ha sviluppato una piattaforma di identificazione e riconoscimento adattabile alle esigenze dei clienti. La piattaforma di onboarding, infatti, può essere utilizzata anche per raccogliere i dati e la documentazione necessaria a completare le procedure KYC e di Adeguata verifica del cliente, con l’enorme vantaggio di risolvere l’acquisizione dei dati anagrafici tramite accesso con SPID, grazie all’accreditamento di Intesa come Service Provider, oppure in modo semplificato grazie alle tecnologie AI di field detection, verifica della liveness e riconoscimento facciale.

Tutti i vantaggi della piattaforma sulla verifica del cliente

Grazie alla piattaforma di onboarding di Intesa, lo svolgimento delle procedure KYC sarà molto più veloce e semplice. L’onboarding per l’adeguata verifica digitale, infatti, è supportato da tecnologie che consentono il riempimento automatico di alcuni campi e il caricamento dei documenti tramite fotocamera o drag and drop, senza considerare la comodità dell’accesso con SPID.

Lo svolgimento digitale di questa procedura, inoltre, consente una registrazione immediata dei dati del cliente, con un notevole vantaggio anche nel loro aggiornamento e verifica periodica, come previsto da normativa

* Fonte: ITProPortal, The spiralling costs of KYC for banks and how FinTech can help

Vuoi saperne di più?
Quando va eseguita l'adeguata verifica della clientela?

L’Adeguata verifica si applica obbligatoriamente in ogni contesto in cui viene conferito un incarico professionale continuativo, una prestazione occasionale con un trasferimento maggiore di €15.000, ma anche quando si sospetta un caso di riciclaggio, finanziamento al terrorismo o si hanno dubbi sull’identità del cliente.

Come può essere eseguita l'adeguata verifica?

L’adeguata verifica può essere completata con un questionario cartaceo e la raccolta della documentazione necessaria, oppure tramite una piattaforma digitale per il riconoscimento e l’identificazione.

Perché è necessaria la verifica rafforzata?

La verifica rafforzata del cliente è necessaria per rispettare le direttive europee di antiriciclaggio (AML). La verifica avviene tramite questionari e procedure di Adeguata verifica del cliente o Know Your Customer (KYC).

Potrebbero interessarti

Iscriviti alla newsletter

Novità, iniziative ed eventi dal mondo della trasformazione digitale.

Voglio essere informato su prodotti, servizi e offerte di INTESA.
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.

È possibile ritirare il proprio consenso in qualsiasi momento inviando una e-mail al seguente indirizzo: privacy_mktg@intesa.it. Oppure, se non si desidera ricevere più le e-mail di marketing, è possibile annullare la sottoscrizione facendo clic sul relativo link di annullamento sottoscrizione, in qualsiasi e-mail.
Per confermare l'iscrizione, controlla la tua email!
Condividi