Blockchain nel settore del Leasing: vantaggi e opportunità

16 Luglio 2019

Alcuni casi d’uso di gestione e monitoraggio dei beni in locazione.

Nonostante la tecnologia blockchain sia nata nel 2008 con l’obiettivo di creare un sistema elettronico peer to peer per lo scambio di denaro, in questi 11 anni, sono nati diversi sviluppi sia tecnologici che di business, che hanno aumentato l’interesse per questa tematica. Satoshi Nakamoto, pseudonimo di chi ha pubblicato il primo whitepaper su Bitcoin, ha dato il via a quello che può essere definito come un vero e proprio movimento rivoluzionario. L’innovazione tecnologica che ne è derivata ha contribuito ad accelerare nuovi processi digitali e aziendali. Ogni nuova piattaforma blockchain nata da quel momento in poi, come le più note Hyperledger,  Ethereum, Corda e Ripple, ha portato grande diversificazione nel panorama blockchain attuale rendendola un modello integrabile e applicabile in mercati completamente diversi tra di loro.

I paradigmi attuali sono molto differenti tra di loro, alcuni si orientano verso un approccio più open, altri invece verso uno più chiuso. Le tipologie di progetti in questo ambito sono certamente molte e di conseguenza anche  i mercati coinvolti sono in costante aumento.

Un settore sicuramente interessato da queste tecnologie dirompenti è il Leasing e in esso, uno dei più importanti casi di studio è sicuramente quello inerente al monitoraggio del bene. La possibilità di verificarne lo status durante tutta la durata di noleggio di un bene, grazie alla scrittura su blockchain da parte di attori differenti che interagiscono nel ciclo di vita dell’asset, permette di accrescerne immediatamente la visibilità con un conseguente aumento del valore del bene stesso ed efficientamento dei vari processi di gestione. In questo caso d’uso la blockchain opera come una tecnologia abilitante per una valutazione completa e dettagliata dell’uso e della manutenzione del bene.

 

Effetti (positivi) della blockchain applicata al noleggio di autoveicoli

Il continuo monitoraggio della posizione di beni come, ad esempio, gli autoveicoli, permette di verificarne lo stato, i chilometri percorsi, i precedenti conducenti, produrre dati di tracciamento per informazioni come incidenti, ispezioni o parti modificate. Il database della blockchain, sicuro e immutabile, offre maggiore trasparenza in caso di danni, uso improprio e furto, con informazioni accurate per conducenti e gestori di flotte.  L’accesso ai dati è controllato ma soprattutto semplificato per altri fondamentali attori dell'ecosistema, come  finanziatori, assicuratori, ricambisti OEM, ecc. Vengono abilitati inoltre i micropagamenti, dotando le auto di portafogli per consentire comunicazioni e trasferimenti di denaro machine-to-machine, abilitando l'auto all'acquisto indipendente di servizi durante l'utilizzo, come i pedaggi autostradali e servizi on-demand o pay per use.  La blockchain, infine, può supportare le società di leasing nelle loro operazioni di back-office, fornendo dati trasparenti e sicuri a tutte le parti coinvolte, soprattutto nel controllo del credito e antiriciclaggio. A seconda delle strategie e delle capacità aziendali interne, o delle dinamiche del mercato esterno, i casi di utilizzo della blockchain per il settore Leasing possono essere molteplici. Un'analisi di mercato strutturata, seguita da un processo di ideazione rapido, è il modo giusto per definire e dare priorità ai casi d'uso che sono più vantaggiosi per i processi interni e idonei alla creazione di ecosistemi. L'impatto di queste analisi verrà ulteriormente incrementato dalle nuove opportunità offerte dalla mobilità elettrica e dai veicoli autonomi (si pensi, ad esempio, all'importanza delle batterie sul valore residuo di un veicolo).

Inoltre, sono evidenti i vantaggi per i potenziali acquirenti di un prodotto usato in quanto la blockchain permette di avere piena visibilità su informazioni spesso oggetto di frode come, ad esempio, programmi manutentivi, incidenti, ecc.

 

Maggiore automazione grazie all’impiego degli smart contract

Gli smart contracts rappresentano un ulteriore elemento in grado di portare efficienza al sistema perché possono automatizzare ed efficientare diversi processi tra cui quello inerente all’apertura del contratto stesso. Potrebbe essere infatti interessante automatizzare il processo di verifica dell’idoneità alla guida del guidatore o riguardo il suo stato finanziario.

Inoltre, si stanno già ipotizzando scenari in cui il veicolo è controllabile tramite alcuni smart contract, che in caso di mancato pagamento del canone attivino un livello di controllo che non autorizzi l’apertura del veicolo, tramite sistemi automatizzati.

Questo è solo uno dei casi di  applicazione che possono essere introdotti nel mondo del Leasing. Sicuramente in questo come in altri, la blockchain può portare efficientamento ma anche innovazione dirompente con la creazione di nuove forme di business e digitalizzazione dei processi.

Iscriviti alla newsletter

Per confermare l'iscrizione, controlla la tua email

*Campo Obbligatorio
Share This