Seleziona una pagina
Home » Soluzioni » Biometria digitalizzata: nuovi trend nella sicurezza informatica
19.03.2020
| Tempo di lettura: 5 min

Biometria digitalizzata: nuovi trend nella sicurezza informatica

Identificazione e autenticazione biometrica

Addio password. L’identificazione biometrica diventerà il metodo di autenticazione universale.Le aziende sono costantemente alla ricerca di dispositivi biometrici avanzati per migliorare la gestione dei propri dati.

Biometria, un mondo in continua evoluzione

Per tutelarsi nei confronti delle minacce informatiche, che stanno mettendo a dura prova le tradizionali soluzioni di autenticazione, come password e codici di accesso, aumentano gli investimenti in Cybersecurity. Cresce il numero di soluzioni di identificazione biometrica, che trasformano la verifica dell’identità personale alla biometria trasformando le caratteristiche biometriche degli utenti in chiavi d’accesso digitali. Questo succede tutti i giorni in tutto il mondo, perché le tecnologie di riconoscimento biometrico sono già parte di numerosi dispositivi personali. Un esempio è l’impronta digitale, divenuta uno strumento di riconoscimento noto da almeno 10 anni per accedere ai personal computer o agli smartphone.

Che cos’è la biometria?

La biometria è un sistema informatico che, grazie a sensori biometrici, permette di identificare l’utente attraverso l’analisi delle caratteristiche fisiologiche e comportamentali che lo contraddistinguono. Attraverso l’acquisizione di tali dati, il sistema permette l’accesso dell’utente a un dispositivo o a un account.

Tra le tecnologie biometriche troviamo i sensori fingerprint che riconoscono le impronte digitali, i sistemi di scansione facciale che riconoscono la fisionomia del viso e altri in grado di riconoscere la nostra voce, così come l’iride, la nostra firma o la morfologia vascolare della nostra mano. Trattandosi di sistemi di autenticazione istantanei, automatici e non invasivi, non tutti i parametri biometrici sono utilizzabili. Motivo per cui, ad esempio, dalle applicazioni consumer restano escluse informazioni come il DNA, l’impronta dentale e la dimensione delle ossa.

Dispositivi di Identificazione biometrica

Il funzionamento di un dispositivo di identificazione biometrica può essere paragonato al comportamento di ogni essere umano che, a un primo incontro, analizza le fattezze e gli atteggiamenti di chi si trova di fronte, così da poterlo riconoscere la volta successiva.

Il dispositivo, infatti, necessita di una prima fase detta enroll, cioè di “apprendimento”, nella quale il sistema acquisisce le caratteristiche biometriche, sulla base delle quali crea un file anche detto template. Quest’ultimo verrà utilizzato dal sistema al momento dell’identificazione, per fare un confronto con quanto sta rilevato in quel momento, così da consentire o negare l’accesso a seconda che i dati in memoria e quelli della lettura coincidano oppure no.

I vantaggi dell’autenticazione biometrica

Davanti a una trasformazione digitale che investe sempre più ogni aspetto della vita quotidiana – dall’accesso al proprio smartphone, all’autorizzazione di una transazione on line, fino all’accesso a determinati dati aziendali – l’autenticazione biometrica sta diventando il metodo più sicuro ed efficiente per tutelare la riservatezza dei dati personali.

I tradizionali metodi di autenticazione pongono gli utenti in una posizione di svantaggio e vulnerabilità: chi è solito usare le tradizionali password, oggi va incontro a una moltiplicazione di codici di accesso sempre più complessi e di conseguenza difficili da ricordare. Ciò induce l’utente ad annotarseli su differenti supporti, spesso poco sicuri, mettendo a repentaglio la riservatezza dei propri dati personali, delle foto private, delle informazioni relative al proprio conto bancario o dei dati aziendali.

L’autenticazione biometrica, invece, può offrire una migliore sicurezza nonché un’esperienza utente più fluida. Forse proprio per questo motivo, come indicano i dati della Global State Information Security Survey 2018*, il 60% delle aziende intervistate dichiara di aver adottato sistemi biometrici.

L’Italia e le tecniche di identificazione biometrica

Anche nel nostro paese, secondo uno studio elaborato da IBM** relativamente al futuro delle identità digitali, emergono dati significativi:

  • l’Italia è infatti tra i Paesi europei maggiormente propensi a utilizzare e sperimentare le nuove forme di tutela dell’identità digitale, all’insegna del tracciamento biometrico.
  • il 67% degli intervistati si sente a proprio agio quando utilizza il riconoscimento biometrico, mentre l’87% ne considera volentieri l’utilizzo futuro.

Se è vero che le esigenze dei clienti, e più in generale del mercato, guidano la trasformazione dell’offerta di prodotti e servizi, dovremo attenderci un futuro digitale sempre più biometrico.

I servizi di Intesa per la Biometria

Intesa, in quanto Agid Service Provider nell’ambito del riconoscimento digitale e Trust Service Provider nell’ambito della firma digitale, offre diverse soluzioni, dall’identificazione remota, al video selfie, alla video interaction, per digitalizzare l’intero processo end-to-end..
Servizi di identificazione biometrica e riconoscimento consentono di tutelare i dati personali e di migliorare l’esperienza utente nel processo di onboarding.

Scopri tutte le nostre soluzioni di identificazione ed autenticazione digitale, come l’identificazione remota, il video selfie e il chatbot..

 

*Fonte: www.pwc.com

**Fonte: ibm.biz/FutureOfIdentity

Vuoi saperne di più?
Cos’è l’autenticazione biometrica?

L’autenticazione biometrica è un sistema che consente il riconoscimento di un utente attraverso l’analisi delle caratteristiche fisiologiche e comportamentali che lo contraddistinguono. Attraverso l’acquisizione di tali dati, il sistema permette l’accesso dell’utente a un dispositivo o a un account. Un esempio è l’impronta digitale o il riconoscimento facciale per sbloccare il telefono. Leggi di più.

Quali sono i sistemi di autenticazione informatica?

I sistemi di autenticazione informatica servono ad effettuare il riconoscimento di un utente per farlo accedere a servizi, applicazioni, piattaforme o dati. L’autenticazione informatica può avere diversi livelli di sicurezza, e possono essere costituiti da uno username e una password, o un’impronta digitale nel caso di riconoscimento biometrico. Leggi di più.

Qual è il sistema di autenticazione più diffuso?

Il sistema di autenticazione più diffuso è costituito dal nome utente e password. Tuttavia, non è il più sicuro: spesso gli utenti si annotano le password, mettendo a repentaglio la riservatezza dei propri dati personali. L’autenticazione biometrica, invece, può offrire una migliore sicurezza nonché un’esperienza utente più fluida. Leggi di più.

Quale tecnologia può essere implementata come parte di un sistema di autenticazione per verificare l’identificazione di dipendenti o clienti?

La tecnologia più sicura che può essere implementata per l’autenticazione è quella biometrica, attraverso dispositivi e tecnologie che permettono di acquisire e riconoscere il volto o le impronte digitali. Leggi di più.

Potrebbero interessarti

Iscriviti alla newsletter

Novità, iniziative ed eventi dal mondo della trasformazione digitale.

Voglio essere informato su prodotti, servizi e offerte di INTESA.
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.

È possibile ritirare il proprio consenso in qualsiasi momento inviando una e-mail al seguente indirizzo: privacy_mktg@intesa.it. Oppure, se non si desidera ricevere più le e-mail di marketing, è possibile annullare la sottoscrizione facendo clic sul relativo link di annullamento sottoscrizione, in qualsiasi e-mail.
Per confermare l'iscrizione, controlla la tua email!
Condividi